Il fantasma di Azzurrina: audio dal castello di Montebello

Nella seconda metà del XIV secolo, una bimba di quattro anni scomparve nello scantinato di un castello e non riapparve mai più.

La piccola si chiamava Guendalina Malatesta, ma era anche conosciuta come Azzurrina, per via dei suoi capelli azzurro cielo. Guendalina, infatti, era albina e, poiché nel Medioevo si rischiava di venire arsi vivi per questo, la mamma era solita tingerle i capelli di biondo con impacchi di erbe, ottenendo, però, un colore di capelli che virava sul blu.

Si dice che fu il padre stesso a farla uccidere (o a perpetrare in prima persona il terribile infanticidio) poiché Guendalina era di intralcio alla sua ascesa politica.

Comunque sia andata, resta il fatto che molti testimoni, visitando il castello di Montebello, a Rimini, giurano di averla sentita piangere e invocare il nome della mamma. Pare inoltre che, sotto il castello, si trovi una campana murata e di che notte si sentano i rintocchi perché lo spirito di Azzurrina percorrerebbe inquieta gli oscuri sotterranei.

In Rete ho trovato l’audio dei fenomeni paranormali avvenuti nel castello nel 1990, 1995, 2000, 2003 e 2005!

Lascio a voi il compito di giudicare, ma personalmente mi è venuta la pelle d’oca. Nella seconda registrazione (video 1) si sente chiaramente il pianto della piccola oltre a un battito cardiaco. Per chi fosse interessato a proseguire, il secondo video riassume la sua triste storia…

azzurrina.jpg

Il fantasma di Azzurrina: audio dal castello di Montebelloultima modifica: 2010-04-19T16:58:00+00:00da skylineit
Reposta per primo quest’articolo

19 pensieri su “Il fantasma di Azzurrina: audio dal castello di Montebello

  1. mia mamma mi raccontava sempre questa storia per farmi addormentare quando ero una bambina.Azzurrina mi era sempre parsa come una dei personaggi della mia infanzia ma adesso che mi sono informata ho capito che Azzurrina non era solo un personaggio dei miei sogni è stata una bambina che ha vissuto e sofferto e che rimarrà per sempre una bambina che puttroppo non ha visto la luce e non è ancora riuscita a passare oltre spero che riesca a trovare la sua pace per sempre

  2. Cari Amici condividiamo con voi le ultime scoperte su questo interessantissimo argomento!

    Venerdì 24 maggio 2013 è andata in onda la prima puntata di “Percezioni”, il nuovo docu-reality sul paranormale trasmesso su Italia 2.

    È nota ormai a tutti la versione diffusa della leggenda secondo la quale Azzurrina, la bimba albina scomparsa in circostanze misteriose in epoca medievale, si chiamerebbe “Guendalina Malatesta”.

    All’interno della prima puntata di “Percezioni” lo storico Marco Filippi, sulla base di quanto rivelato dalla sensitiva Marina Dionisi, ha smentito la versione diffusa della leggenda apportando novità assolute sull’identità di Azzurrina.

    Secondo le ricerche del dott. Filippi il nome di “Adelina”, percepito dalla sensitiva Marina Dionisi, risulta più probabile sia a livello linguistico che a livello storico.

    Risulta infatti che la forma “Adelina” si avvicina maggiormente a quella tramandata nel titolo dell’unico presunto documento sulla storia di Azzurrina: “Mons Belli et Deline”. La forma “Deline”, tradotta dal latino all’italiano, corrisponde al nome di “Adelina” e non di “Guendalina”.

    Inoltre, sembra che il nome “Guendalina” non sia stato usato in Italia almeno fino ai primi dell’Ottocento.

    Risulta quindi evidente, sulla base di considerazioni storico-linguistiche, come Azzurrina non potesse chiamarsi “Guendalina”.

Lascia un commento